Rendere un appartamento energeticamente autosufficiente

Muffe prima dell'intervento di riqualificazione energetica
18 Jan 2016

Anche un appartamento situato in un condominio può essere reso autosufficiente dal punto di vista energetico intervenendo su isolamenti, infissi e impianti; come nell’ultimo progetto realizzato da ReQuality LAB dove la particolarità è l’impianto fotovoltaico sul tetto condominiale accoppiato ad una piccola pompa di calore.

Interveniamo su un appartamento all’attico di un condominio a Savona con notevoli problemi: pareti in cattivo stato, muffe e degenerazione diffusa dell’intonaco soprattutto per le parti rivolte a nord o negli angoli tra pareti e soffitto. L’appartamento ha infissi datati, di legno con vetro singolo, fortemente disperdenti. L’impianto, non più adeguato a soddisfare il comfort abitativo, è costituito da una datata caldaia, poco efficiente a metano e con radiatori senza regolazione termostatica.

Con la diagnosi progettiamo di isolare tutte le pareti tramite un cappotto interno inserito in controparete ed installare serramenti con triplo vetro ad alte prestazioni, col fine di ottenere una riduzione del fabbisogno termico.

Il nuovo impianto è costituito da una pompa di calore Mitsubishi Ecodan® da 6kWt, con accumulo per acqua calda sanitaria da 200 lt.

La particolarità di questo sistema è che i consumi elettrici sono coperti da un nuovo impianto fotovoltaico, realizzato da ReQuality, di 6kWp, che viene installato su una falda del tetto condominiale (ciò è possibile grazie alla nuova legislazione sui condomini del Codice Civile).

Infine completiamo l’intervento con un sistema di ventilazione meccanica controllata Mitsubishi Lossnay® che ricambia costantemente l’aria recuperando l’energia termica dell’aria in uscita e la utilizza per scaldare quella in entrata.

I risultati sono molto positivi: un appartamento energeticamente autosufficiente che passa dalla classe energetica G alla classe A (25,57 kWh/m2anno) aumentando il proprio valore immobiliare; un comfort abitativo molto migliorato e la scomparsa della muffa e dei fenomeni generativi dell’intonaco.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *