Cosa offre il nuovo Conto Termico

Cosa offre il nuovo Conto Termico
14 Mar 2016

Ufficialmente è il decreto del 16 febbraio 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n° 51 del 02 Marzo 2016; per tutti è il nuovo Conto Termico 2.0 che indica gli incentivi per i cosiddetti “interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili”.

I soggetti interessati sono sia le Pubbliche Amministrazioni che i privati (singoli e condomini). Per le prime il nuovo Conto Termico offre molte interessanti possibilità come la trasformazione degli edifici in NZEB (“edifici a energia quasi zero”), il relamping, la “building automation”, l’isolamento termico delle superfici, la sostituzione di vecchi infissi con finestre ad alte prestazioni, l’installazione di nuove caldaie a condensazione e di sistemi di ombreggiamento.

Per i privati (ma anche per la PA) il nuovo Conto Termico incentiva soprattutto l’introduzione di nuovi impianti efficienti, come le pompe di calore (o ibridi) e gli impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria.

Negli interventi che hanno diritto al rimborso figurano anche le competenze tecniche e spese di servizio, quindi anche le spese sostenute per la redazione della certificazione energetica (APE).

Il nuovo Conto Termico non è a scadenza ma ad esaurimento delle risorse: la cifra totale disponibile è di 900 milioni di euro (700 milioni per le P.A. e 200 milioni per i privati).

Per approfondire

Per scaricare il testo del decreto

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *