Detrazioni fiscali del 65%: da ENEA un bilancio positivo

Detrazioni fiscali del 65%: da ENEA un bilancio positivo

Le detrazioni fiscali del 65% per gli interventi di efficienza energetica sono stati un successo: lo afferma l’ENEA con una nota dedicata al bilancio degli incentivi per l’anno 2013. Il numero delle pratiche supera le 355 mila, con un aumento del 35% rispetto al 2012; in tutto si sono attivati investimenti in efficienza energetica per quasi 3,5 miliardi di euro, corrispondenti ad un +20% sull’anno precedente. Molto probabile la proroga degli incentivi a tutto il 2015.

L’ENEA è il soggetto italiano più titolato per esprimere questi dati in quanto riceve la documentazione obbligatoria per beneficiare delle detrazioni fiscali del 65% per interventi di efficienza energetica e svolge anche un ruolo di assistenza tecnica per gli utenti. Al 30 settembre 2014 sono scaduti i termini per l’invio della documentazione relativa al 2013 e si è potuto verificare il risultato dell’innalzamento degli incentivi fiscali dal 55 al 65%.

I dati riassunti (355mila domande, pari ad un +35% e 3,5 miliardi di euro di investimenti) sono particolarmente significativi considerato la stagnazione del mercato edilizio; si riconferma ancora una volta che l’efficienza energetica è un potente fattore di sviluppo reale nonostante la crisi di settore e globale, oltre ad essere una risposta efficace per le esigenze di qualità abitativa e di risparmio energetico delle famiglie e delle aziende.

Le detrazioni fiscali del 65% sono state introdotte nel 2007 e secondo le leggi in vigore resteranno attive fino al 31 dicembre 2014 per interventi su singole unità immobiliari e fino al 30 giugno 2015 per interventi su parti comuni di edifici condominiali, per poi ridursi al 50%.

Tuttavia in questi giorni il Governo afferma la volontà di prorogare al 2015 le detrazioni fiscali del 65%, inserendole nella legge di stabilità, che dovrebbe essere approvata entro il mese di ottobre.

Share