“Tutto elettrico” o sistema integrato?

“Tutto elettrico” o sistema integrato?
14 May 2014

Nell’articolo di Roberto Salustri di RESEDA, un confronto tra due sistemi intelligenti per il riscaldamento e la produzione di acqua calda per le nostre case. Ma le soluzioni vanno sempre progettate caso per caso, perché non esiste una formula valida per ogni situazione, e inoltre occorre sempre partire dall’isolamento dell’edificio.

Grazie ad un progetto di ricerca sono state monitorate, per un periodo di cinque anni, due diverse soluzioni tecnologiche: da un lato un sistema integrato tra solare termico e biomasse per il riscaldamento degli ambienti e la produzione di acqua calda sanitaria unito ad un impianto fotovoltaico per la copertura dei soli fabbisogni elettrici, dall’altro un sistema totalmente elettrico in cui il fotovoltaico alimenta pompe di calore per il riscaldamento degli ambienti e la produzione di ACS.

Il test è stato condotto su 8 impianti realizzati da diverse aziende su unità abitative di circa 70 mq medi, non coibentati in modo particolare.

Entrambi i sistemi hanno vantaggi e svantaggi ma, in conclusione, entrambi devono essere progettati adeguatamente e adattati alle caratteristiche dell’edificio e del luogo.

Soprattutto l’autore ricorda che è necessario ridurre prima di tutto i consumi attraverso un adeguato isolamento dell’edificio per diminuire i fabbisogni.

 

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *