Un nuovo progetto con lampade a LED

Situazione prima e dopo la sostituzione delle lampade a LED
07 Jul 2016

L’ultimo progetto illuminotecnico di relamping con lampade a LED è stao realizzato da ReQuality LAB su un edificio commerciale, l’autosalone Melone di Ovada (AL), dove si è operato per conto della ESCO Green Kwonledge di Savona. La riduzione dei consumi individuata è stata del 40%

Tramite un attento sopralluogo e relative analisi strumentali, si sono evidenziate 3 aree maggiormente critiche: il settore ricambi, l’area espositiva e vendita e gli uffici, site al piano strada della struttura commerciale.

In queste aree è stata riscontrata un’insufficiente illuminazione rispetto ai requisiti di legge nonché l’installazione difforme dei corpi illuminanti rispetto al progetto originario.

Con il successivo studio illuminotecnico, i tecnici ReQuality hanno confrontato lo stato attuale rispetto ad una simulazione del risultato ottenibile grazie alla sostituzione degli attuali apparecchi a fluorescenza con nuove lampade a LED.

Attualmente gli ambienti, a seconda della destinazione d’uso, sono dotati di:

  • plafoniere quadrate, costituite da 4 tubi a fluorescenza, con potenza totale 72 Watt
  • plafoniere rettangolari, con tubi a fluorescenza di potenza variabile, da 76 a 116 Watt

Le lampade sono comunque energeticamente poco efficienti perché giunte alla fine del ciclo di vita.

Le lampade a LED proposte dallo studio di relamping hanno dimensioni e tipologia analoga a quelle attualmente installate, ma una potenza complessiva compresa tra i 38 e i 70 Watt.

I risultati stimati dalla simulazione per la sostituzione di 78 apparecchi quadrati e 11 rettangolari sono molto positivi: la riduzione media dei consumi elettrici delle 3 aree selezionate è stata del 40% con un tempo di ritorno complessivo di 3 anni e mezzo ed un abbattimento di CO2 di quasi 3 tonnellate/anno

Intervenire con cura ed attenzione sull’illuminazione può permettere immediati risparmi energetici, ambientali ed economici. Il contributo di ReQuality ha permesso di concentrarsi solamente sugli ambienti con criticità, confermando quanto sia importante rivolgersi a professionisti per evitare interventi di efficientamento poco utili o, addirittura, dannosi.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *